Ultime notizie

CRONACA DEL CONVEGNO: 9 dicembre 2008

Notizia inserita il 09/12/2008

Il 9 dicembre, alle ore 16, ha avuto inizio nell’aula magna dell’Urbaniana, il 34 Convegno sulla Vita Consacrata organizzato dal “Claretianum”. Il Preside, P. Josu Mirena Alday, dopo aver rivolto un caldo benvenuto a S.E. Mons. Gianfranco Ravasi, al nuovo Rettore Magnifico della Pontificia Università Urbaniana, Mons. Cataldo Zuccaro, ai docenti e alunni del Claretianum, e ai tanti fratelli e sorelle, ha detto: “Di nuovo qui, fedeli all’appuntamento. Così da 34 anni. Perché si sa che dopo l’Immacolata e prima del Natale c’è il Convegno del Claretianum. Questa volta però in una nuova sede della Pontificia Università Urbaniana che ringraziamo per la disponibilità offertaci. Il Convegno – ha continuato – diventa punto di incontro, di stimolo e di riflessione sulla vita consacrata nella Chiesa ‘esegesi vivente della parola di Dio’ usando le parole del Papa Benedetto XVI. Un momento di respiro carismatico vedendo qui la presenza di tanti carismi, in una unità misteriosa, quella dello Spirito, e in sintonia con il Sinodo dei Vescovi sulla Parola di Dio. Proprio questo sarà il tema del nostro Convegno: “Parola di Dio e Vita Consacrata. ‘Dammi vita secondo la tua Parola’.
Dopo la presentazione del Programma dei giorni successivi, il nuovo Rettore dell’Urbaniana, come padrone di casa, ha rivolto un saluto a tutti i partecipanti. Le prime due conferenze del Convegno le hanno tenute: Mons. Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, esperto biblista ed ebraista, e Don Giacomo Perego, giovane professore al Claretianum di Nuovo Testamento e Vita Consacrata. Il primo ha fatto uno splendido e profondo commento al salmo 119 (118): “Dammi vita secondo la tua parola”, e il secondo, una chiara riflessione sull’ispirazione biblica della vita consacrata. Fino alle 18.45 tutta la sala è stata piena, attenta e con tanta voglia di fare delle domande ai due relatori. Uno squisito antipasto di questo menù che il Convegno ci offrirà in questi giorni.